Art. 646 c.p.

Da Diritto Pratico.

vai all'articolo precedente: Art. 645 c.p. vai all'articolo successivo: Art. 647 c.p.

Art. 646 c.p. (Appropriazione indebita) approfondisci

Chiunque, per procurare a sé o ad altri un ingiusto profitto, si appropria il denaro o la cosa mobile altrui di cui abbia, a qualsiasi titolo, il possesso, è punito, a querela della persona offesa, con la reclusione fino a tre anni e con la multa fino a euro 1.032.
Se il fatto è commesso su cose possedute a titolo di deposito necessario, la pena è aumentata.
Si procede d'ufficio, se ricorre la circostanza indicata nel capoverso precedente o taluna delle circostanze indicate nel n. 11 dell'articolo 61.