Sfratto per morosità

Da Diritto Pratico.

Esempio verbalizzazione in caso di mancata comparizione dell'intimato

Per il signor ___ è presente, l’Avv. ___ il quale dichiara che la morosità persiste non avendo il signor ___ provveduto al pagamento dei canoni oggetto dello sfratto. In conseguenza dichiara che l’attuale persistente morosità è pari ad Euro ___ per canoni di locazione relativi ai mesi ___. Per tali motivi l’Avv. ___ insiste per la convalida dell’intimato sfratto con fissazione della data per il rilascio e vittoria di spese e competenze di procedura.

Esempio ordinanza di convalida dello sfratto per morosità

TRIBUNALE DI ___
Ordinanza di convalida dello sfratto per morosità (e contestuale decreto ingiuntivo)

Il giudice, rilevato che l'intimato non è comparso nonostante la rituale notifica dell'atto di intimazione; ritenuto che la morosità persiste come da dichiarazione del procuratore dell'intimante resa a verbale; visto l'art. 663 c.p.c.

CONVALIDA

lo sfratto per morosità dall'immobile sito in ___ concesso in locazione ad uso ___ a ___

ORDINA

all'intimato di rilasciare l'immobile libero da persone e cose in favore dell'intimante e fissa la data per l'esecuzione del rilascio al ___ tenuto conto della durata della morosità.

Ordina l'apposizione della formula esecutiva.

CONDANNA

l'intimato ___ al pagamento in favore dell'intimante ___ delle spese del procedimento che liquida in € ___ per compenso professionale oltre IVA e Cpa ed € ___ per spese non imponibili.

Vista la richiesta di decreto ingiuntivo formulata dal locatore nell'atto di intimazione e visti gli artt. 658 e 664 c.p.c.

INGIUNGE

a ___ il pagamento immediato in favore di ___ della somma di € ___ per canoni non corrisposti sino al mese di ___ oltre interessi legali dalle singole scadenze mensili e canoni successivi sino al rilascio, oltre le spese del procedimento come sopra liquidate.

Manda alla cancelleria per l'apposizione della formula esecutiva ed avvisa l'intimato che il presente decreto è immediatamente esecutivo e che contro di esso può essere proposta opposizione a norma dell'art. 645 c.p.c. e segg. entro il termine di quaranta giorni dalla sua notifica.