Art. 627 c.p.

Da Diritto Pratico.

vai all'articolo precedente: Art. 626 c.p. vai all'articolo successivo: Art. 628 c.p.

Art. 627 c.p. (Sottrazione di cose comuni) approfondisci

Il comproprietario, socio o coerede che, per procurare a sé o ad altri un profitto, si impossessa della cosa comune, sottraendola a chi la detiene, è punito, a querela della persona offesa, con la reclusione fino a due anni o con la multa da euro 20 a euro 206.
Non è punibile chi commette il fatto su cose fungibili, se il valore di esse non eccede la quota a lui spettante.