Art. 336 c.c.

Da Diritto Pratico.

vai all'articolo precedente: Art. 335 c.c. vai all'articolo successivo: Art. 336-bis c.c.

Art. 336 c.c. (Legittimazione ad agire 321 ) approfondisci

I provvedimenti indicati negli articoli precedenti sono adottati su ricorso dell'altro genitore, dei parenti , del curatore speciale se già nominato o del pubblico ministero e, quando si tratta di revocare deliberazioni anteriori, anche del genitore interessato. 321
Il tribunale provvede in camera di consiglio, assunte informazioni e sentito il pubblico ministero; dispone, inoltre, l'ascolto del figlio minore che abbia compiuto gli anni dodici e anche di età inferiore ove capace di discernimento. Nei casi in cui il provvedimento è richiesto contro il genitore, questi deve essere sentito.
In caso di urgente necessità il tribunale può adottare, anche d'ufficio, provvedimenti temporanei nello interesse del figlio.
I genitori e il minore sono assistiti da un difensore. 321