Art. 215 c.p.p.

Da Diritto Pratico.

vai all'articolo precedente: Art. 214 c.p.p. vai all'articolo successivo: Art. 216 c.p.p.

Art. 215 c.p.p. (Ricognizione di cose) approfondisci

1. Quando occorre procedere alla ricognizione del corpo del reato o di altre cose pertinenti al reato, il giudice procede osservando le disposizioni dell'articolo 213, in quanto applicabili.
2. Procurati, ove possibile, almeno due oggetti simili a quello da riconoscere, il giudice chiede alla persona chiamata alla ricognizione se riconosca taluno tra essi e, in caso affermativo, la invita a dichiarare quale abbia riconosciuto e a precisare se ne sia certa.
3. Si applicano le disposizioni dell'articolo 214 comma 3.