Art. 110 c.p.p.

Da Diritto Pratico.

vai all'articolo precedente: Art. 109 c.p.p. vai all'articolo successivo: Art. 111 c.p.p.

Art. 110 c.p.p. (Sottoscrizione degli atti) approfondisci

1. Quando è richiesta la sottoscrizione di un atto, se la legge non dispone altrimenti, è sufficiente la scrittura di propria mano, in fine dell'atto, del nome e cognome di chi deve firmare.
2. Non è valida la sottoscrizione apposta con mezzi meccanici o con segni diversi dalla scrittura.
3. Se chi deve firmare non è in grado di scrivere, il pubblico ufficiale, al quale è presentato l'atto scritto o che riceve l'atto orale, accertata l'identità della persona, ne fa annotazione in fine dell'atto medesimo.