Autorità per le garanzie nelle comunicazioni: tutela dei minori

Da Diritto Pratico.

Sei un professionista?

Scopri come Diritto Pratico può aiutarti a promuovere gratuitamente la Tua attività

A chi bisogna rivolgersi per tutelare un minore da alcune trasmissioni televisive?

L'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, assicura la tutela dei minori nelle trasmissioni radiotelevisive e in generale il monitoraggio delle trasmissioni televisive, secondo quanto stabilito dall’articolo 1, comma 6 lett. b) n.6 della Legge 31 luglio 1997, n. 249 (Istituzione dell'Autorita' per le garanzie nelle comunicazioni e norme sui sistemi delle telecomunicazioni e radiotelevisivo). Le modalità operative del monitoraggio dell’Autorità sono le seguenti:

la fornitura dei dati di monitoraggio (rilevazione dati) viene affidata a centri esterni specializzati, individuati attraverso gare d’appalto europee.


l’analisi dei dati raccolti dai centri di rilevazione, la relativa elaborazione, l’eventuale redazione di documenti ad hoc sono finalizzate all’esercizio dell’attività di vigilanza e controllo, d’ufficio o su segnalazione, al fine di avviare l’iter procedimentale all’interno dell’Autorità (Decreto legislativo 31 luglio 2005, n. 177, e delibera n. 136/06/CONS, modificata dalla delibera n. 173/07/CONS).

Con la delibera n. 165/06/CSP del 22/11/06 si è provveduto a richiamare le emittenti radiotelevisive pubbliche e private e i fornitori di contenuti radiotelevisivi a rispettare, nell’ambito dei programmi di intrattenimento, i principi fondamentali del sistema radiotelevisivo posti a garanzia degli utenti, con particolare attenzione alla dignità della persona, all’armonico sviluppo fisico, psichico e morale dei minori ed ai diritti fondamentali della persona, ivi compreso il rispetto dei sentimenti religiosi. In particolare, i programmi in questione devono rispettare criteri di correttezza del linguaggio e del comportamento dei partecipanti, evitando il ricorso a volgarità gratuite, turpiloquio, rappresentazione di violenza fisica e verbale, allusioni o rappresentazioni di natura sessuale tali da offendere la dignità umana o la sensibilità dei minori. Per approfondimenti: AGCOM - La tutela dei minori e dei diritti fondamentali della persona e  AGCOM - Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Dati estratti dal dataset "Enciclopedia delle Domande e Risposte" realizzato da FormezPA e ridistribuiti sul wiki di Diritto Pratico nel rispetto della licenza Italian Open Data License v2.0.

Puoi modificare, integrare, correggere e aggiornare le informazioni di questa pagina o inserirne di nuove (note, commenti, link ad approfondimenti e articoli). Se non sai come fare consulta le pagine di aiuto o chiedi supporto sul forum.