Assegno di maternità comunale: ingresso in famiglia

Da Diritto Pratico.

Sei un professionista?

Scopri come Diritto Pratico può aiutarti a promuovere gratuitamente la Tua attività

Cosa si intende per "ingresso in famiglia", nella richiesta dell'assegno di maternità comunale?

In caso di adozione o affidamento preadottivo, il termine di sei mesi decorre dalla data di ingresso del minore nella famiglia anagrafica della donna che lo riceve in adozione o in affidamento. Nell’ipotesi di affidamento preadottivo, qualora il minore non possa essere iscritto nella famiglia anagrafica dell’affidatario a causa di particolari misure di cautela stabilite nei suoi confronti dal giudice, all’ingresso del minore nella famiglia anagrafica è equiparato l’inizio della coabitazione del minore con il soggetto affidatario sulla base di quanto risulta dagli atti relativi alla procedura di affidamento preadottivo. Nell’ipotesi di adottante non coniugato, la domanda va presentata entro il termine di sei mesi dall’ingresso in famiglia del minore. Per maggiori informazioni consultare il sito dell'Inps: Assegno di maternità dei Comuni- Approfondimenti.

Dati estratti dal dataset "Enciclopedia delle Domande e Risposte" realizzato da FormezPA e ridistribuiti sul wiki di Diritto Pratico nel rispetto della licenza Italian Open Data License v2.0.

Puoi modificare, integrare, correggere e aggiornare le informazioni di questa pagina o inserirne di nuove (note, commenti, link ad approfondimenti e articoli). Se non sai come fare consulta le pagine di aiuto o chiedi supporto sul forum.