Art. 512 c.p.p.

Da Diritto Pratico.

vai all'articolo precedente: Art. 511-bis c.p.p. vai all'articolo successivo: Art. 512-bis c.p.p.

Art. 512 c.p.p. (Lettura di atti per sopravvenuta impossibilità di ripetizione) approfondisci

1. Il giudice, a richiesta di parte, dispone che sia data lettura degli atti assunti dalla polizia giudiziaria, dal pubblico ministero, dai difensori delle parti private e dal giudice nel corso della udienza preliminare quando, per fatti o circostanze imprevedibili, ne è divenuta impossibile la ripetizione.
1-bis. E' sempre consentita la lettura dei verbali relativi all'acquisizione ed alle operazioni di distruzione degli atti di cui all'articolo 240.