Art. 387 c.p.

Da Diritto Pratico.

vai all'articolo precedente: Art. 386 c.p. vai all'articolo successivo: Art. 388 c.p.

Art. 387 c.p. (Colpa del custode) approfondisci

Chiunque, preposto per ragione del suo ufficio alla custodia, anche temporanea, di una persona arrestata o detenuta per un reato, ne cagiona, per colpa, l'evasione, è punito con la reclusione fino a tre anni o con la multa da euro 103 a euro 1.032.
Il colpevole non è punibile se nel termine di tre mesi dall'evasione procura la cattura della persona evasa o la presentazione di lei all'autorità.