Art. 37 c.p.p.

Da Diritto Pratico.

vai all'articolo precedente: Art. 36 c.p.p. vai all'articolo successivo: Art. 38 c.p.p.

Art. 37 c.p.p. (Ricusazione) approfondisci

1. Il giudice può essere ricusato dalle parti:
a) nei casi previsti dall'articolo 36 comma 1 lettere a), b), c), d), e), f), g);
b) se nell'esercizio delle funzioni e prima che sia pronunciata sentenza, egli ha manifestato indebitamente il proprio convincimento sui fatti oggetto dell'imputazione.
2. Il giudice ricusato non può pronunciare nè concorrere a pronunciare sentenza fino a che non sia intervenuta l'ordinanza che dichiara inammissibile o rigetta la ricusazione.