Art. 28 RD 267-1942

Da Diritto Pratico.

vai all'articolo precedente: Art. 27 RD 267-1942 vai all'articolo successivo: Art. 29 RD 267-1942

Art. 28 RD 267-1942 (Requisiti per la nomina a curatore) approfondisci

Possono essere chiamati a svolgere le funzioni di curatore:
a) avvocati, dottori commercialisti, ragionieri e ragionieri commercialisti;
b) studi professionali associati o società tra professionisti, sempre che i soci delle stesse abbiano i requisiti professionali di cui alla lettera a). In tale caso, all'atto dell'accettazione dell'incarico, deve essere designata la persona fisica responsabile della procedura;
c) coloro che abbiano svolto funzioni di amministrazione, direzione e controllo in società per azioni, dando prova di adeguate capacità imprenditoriali e purchè non sia intervenuta nei loro confronti dichiarazione di fallimento.
COMMA ABROGATO DAL D.LGS. 12 SETTEMBRE 2007, N. 169.
Non possono essere nominati curatore il coniuge, i parenti e gli affini entro il quarto grado del fallito, i creditori di questo e chi ha concorso al dissesto dell'impresa durante i due anni anteriori alla dichiarazione di fallimento, nonchè chiunque si trovi in conflitto di interessi con il fallimento.