Appalti pubblici: nuove soglie comunitarie

Da Diritto Pratico.

Sei un professionista?

Scopri come Diritto Pratico può aiutarti a promuovere gratuitamente la Tua attività

Quali sono gli importi relativi alle soglie comunitarie per la stipula di un contratto di appalto pubblico?

Dal 1 gennaio 2012 è entrato in vigore il Regolamento (CE) n. 1251/2011 della Commissione del 30 novembre 2011 che, modificando le direttive 2004/17/CE, 2004/18/CE e 2009/81/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio, introduce nuove soglie di applicazione in materia di procedure di aggiudicazione degli appalti. Per il periodo compreso fra il 1° gennaio 2010 e il 31 dicembre 2011 il valore delle soglie, era stato definito dal Regolamento comunitario n. 1177/2009, con cui la Commissione Europea, aveva già rideterminato i valori delle “soglie di rilevanza comunitaria” per i contratti pubblici di lavori, servizi e forniture. Il nuovo regolamento comunitario n. 1251/2011, di cui sopra, è obbligatorio in tutti i suoi elementi ed è direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri, senza che sia necessaria l’emanazione di un provvedimento di recepimento. Pertanto, l’art. 28 del Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163, che stabilisce gli importi delle soglie dei contratti di rilevanza comunitaria, è da ritenersi automaticamente modificato.  

Dati estratti dal dataset "Enciclopedia delle Domande e Risposte" realizzato da FormezPA e ridistribuiti sul wiki di Diritto Pratico nel rispetto della licenza Italian Open Data License v2.0.

Puoi modificare, integrare, correggere e aggiornare le informazioni di questa pagina o inserirne di nuove (note, commenti, link ad approfondimenti e articoli). Se non sai come fare consulta le pagine di aiuto o chiedi supporto sul forum.