Affido familiare: a chi rivolgersi.

Da Diritto Pratico.

Sei un professionista?

Scopri come Diritto Pratico può aiutarti a promuovere gratuitamente la Tua attività

A chi occorre rivolgersi per avere informazioni sull'affido familiare?

La fonte normativa è la Legge n.184 del 4 marzo 1983 come modificata dalla legge n. 149 del 28 marzo 2001. Chiunque abbia interesse e voglia avere informazioni in merito all'affido di un minore può rivolgersi ai Servizi Sociali territoriali di residenza ed offrire la propria disponibilità. La legge del 2001 per la prima volta richiede che Stato, Regioni ed enti locali, nell’ambito delle proprie competenze, promuovano iniziative di formazione dell’opinione pubblica sull’affidamento e l’adozione; organizzino corsi di preparazione e aggiornamento professionale degli operatori; promuovano incontri di formazione e preparazione per famiglie o persone che intendono avere in affidamento o adozione minori. Specificamente i sevizi dell’Ente locale svolgono un accurato studio del caso per individuare tra l’altro le modalità attraverso le quali i genitori  e i componenti del nucleo familiare possono mantenere i rapporti con il minore e la predisposizione di un programma di assistenza di cui il servizio diviene responsabile e su cui deve vigilare per riferire senza indugio al giudice tutelare o al Tribunale. E’ inoltre previsto che, a sostegno dell’esperienza dell’affido, Stato, Regioni e Enti locali intervengono con misure di sostegno e di aiuto economico a favore della famiglia affidataria.   

Dati estratti dal dataset "Enciclopedia delle Domande e Risposte" realizzato da FormezPA e ridistribuiti sul wiki di Diritto Pratico nel rispetto della licenza Italian Open Data License v2.0.

Puoi modificare, integrare, correggere e aggiornare le informazioni di questa pagina o inserirne di nuove (note, commenti, link ad approfondimenti e articoli). Se non sai come fare consulta le pagine di aiuto o chiedi supporto sul forum.