AIRE - Anagrafe Italiani Residenti all'estero

Da Diritto Pratico.

Sei un professionista?

Scopri come Diritto Pratico può aiutarti a promuovere gratuitamente la Tua attività

Quando un cittadino italiano residente all'estero è tenuto ad iscriversi all'AIRE?

L'AIRE è l'anagrafe della popolazione italiana residente all'estero. Devono iscriversi all'AIRE:

i cittadini che trasferiscono la propria residenza da un comune italiano all'estero, per un periodo superiore all'anno;

i cittadini nati e residenti fuori dal territorio nazionale, il cui atto di nascita è stato trascritto in Italia e la cui cittadinanza italiana è stata accertata dal competente ufficio consolare di residenza;

le persone che acquisiscono la cittadinanza italiana all'estero, continuando a risiedervi;

i cittadini la cui residenza all'estero è stata giudizialmente dichiarata. In tutti i casi sopra indicati, l'iscrizione all'AIRE presuppone, comunque, la comunicazione da parte dell'Ufficio consolare di residenza al comune di iscrizione, dell'esatto e completo indirizzo estero.  Non devono iscriversi all'AIRE:

le persone che si recano all'estero per un periodo di tempo inferiore all'anno;

i lavoratori stagionali;

i dipendenti di ruolo dello Stato in servizio all'estero, notificati alle autoritá locali ai sensi delle Convenzioni di Vienna del 1961 e del 1963 sulle relazioni diplomatiche e consolari;

i militari in servizio presso gli Uffici e le strutture della NATO.

Dati estratti dal dataset "Enciclopedia delle Domande e Risposte" realizzato da FormezPA e ridistribuiti sul wiki di Diritto Pratico nel rispetto della licenza Italian Open Data License v2.0.

Puoi modificare, integrare, correggere e aggiornare le informazioni di questa pagina o inserirne di nuove (note, commenti, link ad approfondimenti e articoli). Se non sai come fare consulta le pagine di aiuto o chiedi supporto sul forum.