Art. 608 c.p.

vai all'articolo precedente: Art. 607 c.p. vai all'articolo successivo: Art. 609 c.p.

Art. 608 c.p. (Abuso di autorità contro arrestati o detenuti) approfondisci

Il pubblico ufficiale, che sottopone a misure di rigore non consentite dalla legge una persona arrestata o detenuta di cui egli abbia la custodia, anche temporanea, o che sia a lui affidata in esecuzione di un provvedimento dell'Autorità competente, è punito con la reclusione fino a trenta mesi.
La stessa pena si applica se il fatto è commesso da un altro pubblico ufficiale, rivestito, per ragione del suo ufficio, di una qualsiasi autorità sulla persona custodita.


Ultima modifica il 1 ago 2014 alle 17:00