Art. 598 c.p.

vai all'articolo precedente: Art. 597 c.p. vai all'articolo successivo: Art. 599 c.p.

Art. 598 c.p. (Offese in scritti e discorsi pronunciati dinanzi alle autorità giudiziarie o amministrative) approfondisci

Non sono punibili le offese contenute negli scritti presentati o nei discorsi pronunciati dalle parti o dai loro patrocinatori nei procedimenti dinanzi all'autorità giudiziaria, ovvero dinanzi a un'autorità amministrativa, quando le offese concernono l'oggetto della causa o del ricorso amministrativo.
Il giudice, pronunciando nella causa, può, oltre ai provvedimenti disciplinari, ordinare la soppressione o la cancellazione, in tutto o in parte, delle scritture offensive, e assegnare alla persona offesa una somma a titolo di risarcimento del danno non patrimoniale. Qualora si tratti di scritture per le quali la soppressione o cancellazione non possa eseguirsi, è fatta sulle medesime annotazione della sentenza.


Ultima modifica il 1 ago 2014 alle 17:12