Art. 594 c.p.

vai all'articolo precedente: Art. 593 c.p. vai all'articolo successivo: Art. 595 c.p.

Art. 594 c.p. (Ingiuria) approfondisci

Chiunque offende l'onore o il decoro di una persona presente è punito con la reclusione fino a sei mesi o con la multa fino a euro 516.
Alla stessa pena soggiace chi commette il fatto mediante comunicazione telegrafica o telefonica, o con scritti o disegni, diretti alla persona offesa.
La pena è della reclusione fino a un anno o della multa fino a euro 1.032 se l'offesa consiste nell'attribuzione di un fatto determinato.
Le pene sono aumentate qualora l'offesa sia commessa in presenza di più persone.


Ultima modifica il 1 ago 2014 alle 16:58