Art. 532 c.p.

vai all'articolo precedente: Art. 531 c.p. vai all'articolo successivo: Art. 533 c.p.

Art. 532 c.p. (Istigazione alla prostituzione di una discendente, della moglie, della sorella) approfondisci

[Chiunque, per servire all'altrui libidine, induce alla prostituzione la discendente, la moglie, la sorella, ovvero l'affine in linea retta discendente, le quali siano maggiori di età, è punito con la reclusione da sei mesi a quattro anni e con la multa da lire tremila a diecimila.
Se il colpevole ha soltanto agevolato la prostituzione, la pena è ridotta alla metà].


Ultima modifica il 1 ago 2014 alle 17:13