Art. 518 c.p.p.

Da Diritto Pratico.
Versione del 16 lug 2014 alle 12:02 di Claudio (Discussione | contributi) (Aggiornamento cpp)

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

vai all'articolo precedente: Art. 517 c.p.p. vai all'articolo successivo: Art. 519 c.p.p.

Art. 518 c.p.p. (Fatto nuovo risultante dal dibattimento) approfondisci

1. Fuori dei casi previsti dall'articolo 517, il pubblico ministero procede nelle forme ordinarie se nel corso del dibattimento risulta a carico dell'imputato un fatto nuovo non enunciato nel decreto che dispone il giudizio e per il quale si debba procedere di ufficio.
2. Tuttavia il presidente, qualora il pubblico ministero ne faccia richiesta, può autorizzare la contestazione nella medesima udienza, se vi è consenso dell'imputato presente e non ne deriva pregiudizio per la speditezza dei procedimenti.