Art. 49 c.p.

vai all'articolo precedente: Art. 48 c.p. vai all'articolo successivo: Art. 50 c.p.

Art. 49 c.p. (Reato supposto erroneamente e reato impossibile) approfondisci

Non è punibile chi commette un fatto non costituente reato, nella supposizione erronea che esso costituisca reato.
La punibilità è altresì esclusa quando, per la inidoneità dell'azione o per l'inesistenza dell'oggetto di essa, è impossibile l'evento dannoso o pericoloso.
Nei casi preveduti dalle disposizioni precedenti, se concorrono nel fatto gli elementi costitutivi di un reato diverso, si applica la pena stabilita per il reato effettivamente commesso.
Nel caso indicato nel primo capoverso, il giudice può ordinare che l'imputato prosciolto sia sottoposto a misura di sicurezza.


Ultima modifica il 1 ago 2014 alle 17:09