Art. 468 c.p.p.

Da Diritto Pratico.
Versione del 16 lug 2014 alle 12:38 di Claudio (Discussione | contributi) (Aggiornamento cpp)

vai all'articolo precedente: Art. 467 c.p.p. vai all'articolo successivo: Art. 469 c.p.p.

Art. 468 c.p.p. (Citazione di testimoni, periti e consulenti tecnici) approfondisci

1. Le parti che intendono chiedere l'esame di testimoni, periti o consulenti tecnici nonchè delle persone indicate nell'articolo 210 devono, a pena di inammissibilità, depositare in cancelleria, almeno sette giorni prima della data fissata per il dibattimento, la lista con la indicazione delle circostanze su cui deve vertere l'esame.
3. I testimoni e i consulenti tecnici indicati nelle liste possono anche essere presentati direttamente al dibattimento.
4. In relazione alle circostanze indicate nelle liste, ciascuna parte può chiedere la citazione a prova contraria di testimoni, periti e consulenti tecnici non compresi nella propria lista, ovvero presentarli al dibattimento.
4-bis. La parte che intende chiedere l'acquisizione di verbali di prove di altro procedimento penale deve farne espressa richiesta unitamente al deposito delle liste. Se si tratta di verbali di dichiarazioni di persone delle quali la stessa o altra parte chiede la citazione, questa è autorizzata dal presidente solo dopo che in dibattimento il giudice ha ammesso l'esame a norma dall'articolo 495.
5. Il presidente in ogni caso dispone di ufficio la citazione del perito nominato nell'incidente probatorio a norma dell'articolo 392 comma 2.