Art. 362 c.p.p.: differenze tra le versioni

Da Diritto Pratico.
(Importazione CSV)
 
(Aggiornamento cpp)
Riga 1: Riga 1:
{{Articolo|Art. 362 c.p.p. (Assunzione di informazioni)|1. Il pubblico ministero assume informazioni dalle persone che possono riferire circostanze utili ai fini delle indagini. Alle persone già sentite dal difensore o dal suo sostituto non possono essere chieste informazioni sulle domande formulate e sulle risposte date. Si applicano le disposizioni degli articoli 197, 197-bis, 198, 199, 200, 201, 202 e 203.<br/> 1-bis. Nei procedimenti per i delitti di cui all'articolo 351, comma 1-ter, il pubblico ministero, quando deve assumere informazioni da persone minori, si avvale dell'ausilio di un esperto in psicologia o in psichiatria infantile.<br/><br />[[Art. 361 c.p.p.|* vai all'articolo precedente: Art. 361 c.p.p. (Individuazione di persone e di cose)]]<br />[[Art. 363 c.p.p.|* vai all'articolo successivo: Art. 363 c.p.p. (Interrogatorio di persona imputata in un procedimento connesso)]]}}[[category:Codice di Procedura Penale]]
+
{{norma
 +
|rubrica=Art. 362 c.p.p. (Assunzione di informazioni)
 +
|articolo=1. Il pubblico ministero assume informazioni dalle persone che possono riferire circostanze utili ai fini delle indagini. Alle persone già sentite dal difensore o dal suo sostituto non possono essere chieste informazioni sulle domande formulate e sulle risposte date. Si applicano le disposizioni degli articoli 197, 197-bis, 198, 199, 200, 201, 202 e 203.<br />
 +
|precedente=Art. 361 c.p.p.
 +
|prec_rubrica=Individuazione di persone e di cose
 +
|successiva=Art. 363 c.p.p.
 +
|succ_rubrica=Interrogatorio di persona imputata in un procedimento connesso
 +
|provvedimento=c.p.p.
 +
|descrizione_provvedimento=Codice di Procedura Penale
 +
}}

Versione delle 12:38, 16 lug 2014

vai all'articolo precedente: Art. 361 c.p.p. vai all'articolo successivo: Art. 363 c.p.p.

Art. 362 c.p.p. (Assunzione di informazioni) approfondisci

1. Il pubblico ministero assume informazioni dalle persone che possono riferire circostanze utili ai fini delle indagini. Alle persone già sentite dal difensore o dal suo sostituto non possono essere chieste informazioni sulle domande formulate e sulle risposte date. Si applicano le disposizioni degli articoli 197, 197-bis, 198, 199, 200, 201, 202 e 203.