Art. 267 c.p.

vai all'articolo precedente: Art. 266 c.p. vai all'articolo successivo: Art. 268 c.p.

Art. 267 c.p. (Disfattismo economico) approfondisci

Chiunque, in tempo di guerra, adopera mezzi diretti a deprimere il corso dei cambi, o ad influire sul mercato dei titoli o dei valori, pubblici o privati, in modo da esporre a pericolo la resistenza della nazione di fronte al nemico, è punito con la reclusione non inferiore a cinque anni e con la multa non inferiore a euro 3.098.
Se il colpevole ha agito in seguito a intelligenze con lo straniero, la reclusione non può essere inferiore a dieci anni.
La reclusione è non inferiore a quindici anni se il colpevole ha agito in seguito a intelligenze col nemico.


Ultima modifica il 1 ago 2014 alle 17:08