Art. 129 c.p.p.

Da Diritto Pratico.
Versione del 16 lug 2014 alle 11:37 di Claudio (Discussione | contributi) (Aggiornamento cpp)

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

vai all'articolo precedente: Art. 128 c.p.p. vai all'articolo successivo: Art. 130 c.p.p.

Art. 129 c.p.p. (Obbligo della immediata declaratoria di determinate cause di non punibilita) approfondisci

1. In ogni stato e grado del processo, il giudice, il quale riconosce che il fatto non sussiste o che l'imputato non lo ha commesso o che il fatto non costituisce reato o non è previsto dalla legge come reato ovvero che il reato è estinto o che manca una condizione di procedibilità, lo dichiara di ufficio con sentenza.
2. Quando ricorre una causa di estinzione del reato ma dagli atti risulta evidente che il fatto non sussiste o che l'imputato non lo ha commesso o che il fatto non costituisce reato o non è previsto dalla legge come reato, il giudice pronuncia sentenza di assoluzione o di non luogo a procedere con la formula prescritta.