Dott. Pedone - Verbale disposizione vendita e nomina esecuzioni mobiliari: differenze tra le versioni

Da Diritto Pratico.
Riga 9: Riga 9:
 
<center>'''IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE'''</center>
 
<center>'''IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE'''</center>
  
Esaminati gli atti del processo di espropriazione mobiliare n. ______________R.G.E.  promosso da __________________________________________________ nei confronti di ______________________________________
+
Esaminati gli atti del processo di espropriazione mobiliare n. ___ R.G.E.  promosso da ___ nei confronti di ___
 
Letta l'istanza di vendita dei beni mobili pignorati;
 
Letta l'istanza di vendita dei beni mobili pignorati;
  
Riga 18: Riga 18:
 
<center>'''O R D I N A'''</center>
 
<center>'''O R D I N A'''</center>
  
la vendita dei beni descritti nel processo verbale di pignoramento redatto in data _______________________
+
la vendita dei beni descritti nel processo verbale di pignoramento redatto in data ___
  
 
<center>'''D I S P O N E'''</center>
 
<center>'''D I S P O N E'''</center>
  
che la stessa sia eseguita, anche in più separati lotti, a prezzo non inferiore rispetto a quello risultante nel verbale di pignoramento, a mezzo del Commissionario____________________________________________
+
che la stessa sia eseguita, anche in più separati lotti, a prezzo non inferiore rispetto a quello risultante nel verbale di pignoramento, a mezzo del Commissionario___
 
che vi provvederà entro il termine di un mese dall'adempimento di cui all'art. 490, comma I C.P.C., che dovrà essere eseguito e documentato in atti.
 
che vi provvederà entro il termine di un mese dall'adempimento di cui all'art. 490, comma I C.P.C., che dovrà essere eseguito e documentato in atti.
 
Fa obbligo al Commissionario di osservare tutte le disposizioni di cui all'art. 533 C.P.C. e di depositare presso la cancelleria la documentazione delle operazioni di vendita ed il prezzo ricavato, nelle forme dei depositi giudiziari, entro il suddetto termine.
 
Fa obbligo al Commissionario di osservare tutte le disposizioni di cui all'art. 533 C.P.C. e di depositare presso la cancelleria la documentazione delle operazioni di vendita ed il prezzo ricavato, nelle forme dei depositi giudiziari, entro il suddetto termine.

Versione delle 18:46, 10 feb 2015


TRIBUNALE DI GROSSETO
Ufficio Esecuzioni Mobiliari

Procedura N. ___ R.G.E.

IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE

Esaminati gli atti del processo di espropriazione mobiliare n. ___ R.G.E. promosso da ___ nei confronti di ___ Letta l'istanza di vendita dei beni mobili pignorati;

Ritenuta l'opportunità di affidare i beni pignorati per la vendita al Commissionario scelto tra i soggetti che, operando professionalmente nel Circondario e possedendo adeguata conoscenza delle caratteristiche del mercato, abbiano già maturata specifica esperienza nell'attività ed offrano le migliori garanzie di pronta reperibilità e disponibilità per fronteggiare ogni eventuale esigenza nei rapporti con l'Ufficio, i difensori e le parti interessate;

Visti gli art. 530 e 532 C.P.C.;

O R D I N A

la vendita dei beni descritti nel processo verbale di pignoramento redatto in data ___

D I S P O N E

che la stessa sia eseguita, anche in più separati lotti, a prezzo non inferiore rispetto a quello risultante nel verbale di pignoramento, a mezzo del Commissionario___ che vi provvederà entro il termine di un mese dall'adempimento di cui all'art. 490, comma I C.P.C., che dovrà essere eseguito e documentato in atti. Fa obbligo al Commissionario di osservare tutte le disposizioni di cui all'art. 533 C.P.C. e di depositare presso la cancelleria la documentazione delle operazioni di vendita ed il prezzo ricavato, nelle forme dei depositi giudiziari, entro il suddetto termine. Significa alle parti che, qualora la vendita senza incanto non avvenga nel termine di 30 giorni dalla comunicazione del presente provvedimento ed accettazione dell'incarico da parte del Commissionario e che le stesse non siano interessate ad una eventuale assegnazione dei beni pignorati, lo stesso Commissionario, senza ulteriore provvedimento da parte di questo Giudice, possa tentare la vendita dei beni pignorati per tre volte consecutive al prezzo ribassato, ogni volta nella misura del 20% rispetto al valore precedente dandone comunicazione al creditore e depositando in cancelleria, ogni volta, la relazione con allegati i relativi adempimenti.

D I S P O N E

che, sin dal primo tentativo di vendita al prezzo ribassato del 20% rispetto a quello precedente, il Commissionario provveda obbligatoriamente alla pubblicità dei beni pignorati da vendere con fotografia degli stessi sul quotidiano “IL TIRRENO” tramite l'agenzia “MANZONI” con sede in Grosseto, Via Oberdan 5, previo anticipo delle spese da parte del creditore o dei creditori eventualmente interessati, nonché provveda, in contemporanea, alla pubblicità, sempre corredata da fotografie, sul sito del Tribunale di Grosseto.

Qualora tutti i tentativi di vendita da parte del Commissionario risultassero negativi, il Commissionario dovrà riconsegnare i beni pignorati affinché siano venduti all'incanto (art. 533 e 534 C.P.C.).

Manda alla cancelleria per gli adempimenti di rito.


Grosseto,


Il GIUDICE