Comparsa di costituzione

Da Diritto Pratico.

È il primo atto difensivo del convenuto, con il quale prende posizione sui fatti affermati dall'attore, indica i mezzi di prova dei quali intende avvalersi e i documenti che offre in comunicazione, formula le conclusioni.

A pena di decadenza il convenuto deve proporre in comparsa le eventuali domande riconvenzionali, di accertamento incidentale, di chiamata in causa di un terzo e le eccezioni processuali e di merito che non siano rilevabili d'ufficio. Tale onere, originariamente previsto dalla L. 353/90 (art. 180, co. 2 c.p.c.), era venuto meno in virtù della L. 20-12-1995, n. 534 (di riforma della riforma) e poi nuovamente ripristinato dal D.L. 35/2005, conv. in L. 80/2005 (c.d. decreto competitività), in vigore dal 1 marzo 2006.